“Quando ho toccato il cielo, il Sistema ha deciso che dovevo andare all’inferno”. Per un dovere di verità e di chiarezza ho ritenuto di dover raccontare il funzionamento dei meccanismi interni alla magistratura, il ruolo delle correnti e gli accordi che precedono le nomine squarciando il velo di ipocrisia che aveva caratterizzato la vicenda che mi ha riguardato.

Questo è IL SISTEMA.

Ho voluto raccontare dei fatti per offrire a tutti una riflessione su come migliorare un sistema che inevitabilmente ha finito col penalizzare chi, dal meccanismo correntizio, rimaneva escluso. La mia battaglia è diventare parte attiva del cambiamento di un Sistema che necessita di essere riformato e rispetto al quale la corretta informazione, l’iniziativa politica e i quesiti referendari possono rappresentare una nuova linfa per una magistratura credibile e autorevole. E dare la possibilità a quei tanti magistrati che sono stati esclusi dal sistema di diventare protagonisti.