Morte Rossi. Comitato Riforma Giustizia: nessun nesso con Pittelli e Gratteri lo sa

RomaLife, 26 maggio 2022 – Morte Rossi. Comitato Riforma Giustizia: nessun nesso con Pittelli e Gratteri lo sa. “Oggi in una nota della Procura Distrettuale Antimafia di CZ si legge che nel corso delle indagini per la morte di David Rossi durate due anni, oltre a intercettare tanti indagati provenienti dalla zona di Vibo Valentia, la procura di Catanzaro ha intercettato anche l’avvocato Giancarlo Pittelli e nell’attivita’ intercettiva e’ emersa una conversazione del 28 marzo 2018, tra il Pittelli e l’avvocato Guido Contestabile che all’epoca dei fatti non era suo difensore nel corso della quale i due commentano la morte di David Rossi. Successivamente, in data 2 luglio 2018 – conclude la nota – Pittelli intratteneva una conversazione con l’avvocato Mussari, soffermandosi, in tal caso, sulla vicenda Mps.

Ma va notato che non c’è alcun nesso fra le due intercettazioni poiché all’epoca della prima (che comunque era un commento da telespettatore alla trasmissione “Le iene” andata in onda la sera prima), Pittelli non conosceva Mussari, come il Procuratore Gratteri sa (o dovrebbe sapere) benissimo. Quindi una eventuale connessione fra le due intercettazioni, a cui alluderebbe la nota della Procura, è priva di qualunque fondamento”. Lo fa sapere in una nota Umberto Baccolo portavoce del Comitato Riforma Giustizia (già Comitato per l’appello per Pittelli), presieduto da Enrico Seta, e che ha inaugurato il sito web http://www.riformagiustizia.it nel quale sono presenti sia un archivio sul caso Pittelli sia una rassegna stampa settimanale giustizia entrambe a cura di Umberto Baccolo.

Rispondi