Giustizia, Grasso: “Lo sciopero dei magistrati è poco utile e dannoso”

Ansa, 13 maggio 2022

“Lo sciopero dei magistrati e’ poco utile e sara’ senz’ altro dannoso in caso di bassa adesione”. Lo afferma Pasquale Grasso, giudice al tribunale di Genova ed ex presidente dell’Associazione nazionale magistrati, in un’intervista a Qn dove commenta lo sciopero dei magistrati. Il comunicato diffuso dall’Associazione nazionale magistrati “tra le altre cose insiste sul pericolo della separazione delle carriere di giudice e pubblico ministero: e’ diventato un mantra privo di contenuti”, prosegue. Secondo Grasso” lo sciopero veicola sacrosante rivendicazioni dei magistrati come la richiesta di risorse maggiori e il rifiuto della gerarchizzazione degli uffici giudicanti. Ed e’ verissimo, come afferma l’Anm, che la riforma non accorcera’ la durata dei processi” ma “l’Anm sostiene altresi’ che la riforma ‘cambiera’ radicalmente la figura del magistrato in contrasto con quanto prevede la Costituzione’. Non condivido. Piuttosto che credo tra i motivi di fondo ci sia la volonta’ di rassicurare i propri iscritti sulla esistenza in vita dell’Anm”. “Negli anni l’Anm ha trascurato tutti i temi veri, a cominciare dalla giustizia civile. Mi fa rabbia ricordare che sia stata inerte in occasione della riforma della responsabilita’ civile dei magistrati e che non scioperi per la decurtazione dello malato in caso di malattia, un vero schifo – conclude -. Per questo credo che quello di lunedi’ sia uno sciopero di maniera seppure contro una riforma pessima e inutile”.

Rispondi