PNRR, Frattini:”Semplificare norme a partire da appalti”

ANSA – Roma 22 febbraio 2022
“È una nuova Italia quella che sta uscendo, gradualmente, dall’emergenza”, e ora servono efficienza, semplificazione e risposte chiare e rapide. Il presidente del Consiglio di Stato, Franco Frattini, inaugura l’anno giudiziario e sottolinea l’importanza di saper “cogliere le opportunità nelle difficoltà”, per “fare della crisi pandemica non una condizione di debolezza e declino, bensì un motore di cambiamento e di innovazione”. Frattini ricorda le principali tematiche affrontate dalla giustizia amministrativa nel 2021, dall’obbligo vaccinale, al green pass, dalla didattica nelle scuole, alla vicenda Ilva e sottolinea la spinta alle riforme strutturali che arriva dal piano nazionale di ripresa e resilienza, occasione “irripetibile” per “giustizia, pubblica amministrazione, concorrenza, fisco”. Serve uno sforzo mirato verso la “semplificazione” e “occorre iniziare immediatamente, ad esempio in tema di appalti – spiega – che costituiscono un vero e proprio test case, con l’urgenza delle scadenze del PNRR e l’esigenza di rimozione del goldplating e di riduzione delle prescrizioni, responsabilizzando le stazioni appaltanti che nel frattempo andranno ridotte e riqualificate”. A Palazzo Spada sono presenti le massime cariche dello Stato, a cominciare dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il presidente del Consiglio, Mario Draghi, che sottolinea: “Abbiamo davanti una stagione di ripresa e riforme. Dopo i traumi della pandemia, le giurisdizioni devono impegnarsi ulteriormente nella direzione di una maggiore efficienza e velocità di risposta, mantenendo però il necessario rigore”. Anche nel 2021, nonostante la pandemia l’arretrato della giustizia amministrativa è calato del 4,1% presso il Consiglio di Stato e dell’8,3% presso i Tar. Il premier ringrazia “l’intero sistema di giustizia amministrativa” che può “contribuire in modo deciso all’ammodernamento del Paese”. Poi aggiunge: “Per farlo, è importante evitare chiusure corporative e autoreferenziali e coltivare una cultura della giurisdizione fondata sull’etica pubblica”. Guardando al 2022, secondo Frattini, “i pilastri strategici del PNRR sono l’occasione per un forte rinnovamento del Paese: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica, infrastrutture, istruzione e inclusione sociale”. “Ma la vera novità, la vera sfida consiste anche nel metodo – continua – Nel trasformare il fuoco fatuo della risposta all’urgenza in un comportamento durevole, acquisito. I vincoli, le scadenze, il rispetto delle priorità, impongono di ‘amministrare per risultati’, con nuove capacità di azione dei poteri pubblici e dei loro funzionari”. La magistratura, conclude Frattini, deve superare le logiche di appartenenza e lo sforzo sulla strada per una giustizia nuova passa anche per sentenze più chiare e semplici da capire, che siano scritte “non per i giuristi ma per i cittadini”

Rispondi