Salvini: “Referendum? Grande occasione: la giustizia la cambieranno gli italiani” (Video)

Anche Matteo Salvini, insieme a Myrta Merlino e, ovviamente, a Luca Palamara e Alessandro Sallusti è intervenuto oggi alla partecipatissima presentazione del libro Lobby e Logge presso la Galleria Alberto Sordi a Roma. E in questa occasione il leader della Lega ha espresso le sue idee circa il referendum che riguarda, appunto, la giustizia e come la malagiustizia possa influenzare la politica e il vivere comune.

“I referendum sulla giustizia sono una grande occasione di futuro, trasparenza, cambiamento, modernità per tutti gli italiani” sostiene il leader della Lega. “C’è una parte di magistratura che in questi anni ha fatto politica. Mi sembra evidente. Qualcuno si è pure candidato, altri hanno fatto politica nei tribunali. Vorremmo che 60 milioni di italiani fossero giudicati da giudici liberi, svincolati dalle correnti e dalle spartizioni. Sono emerse vicende indegne di un Paese civile”.

“I referendum sono un’occasione storica, anche per la magistratura che così ha la possibilità di liberarsi delle correnti” insiste il leader della Lega “chi sceglie di non scegliere non si lamenti se poi in Italia non si cambia nulla. La giustizia la cambieranno gli italiani”, spiega il leader della Lega. “Se decidi di fare l’arbitro per tutta la vita fa l’arbitro, non il centravanti”, osserva riferendosi alla separazione delle funzioni. “Vorrei essere giudicato da un giudice imparziale. Voglio un giudice terzo”, sottolinea il ‘Capitano’ della Lega.

“Non sono pro o contro Renzi, non conosco le carte” dice poi il leader della Lega sull’inchiesta Opena “giudico indegno aver letto sui giornali gli estratti conto di un cittadino italiano o la lettera di un padre a un figlio con delle considerazioni che un padre fa a un figlio e qualcuno dovrebbe pagare. Vorrei che la carriera di un giudice e quella di pm fossero distinte”. E ha aggiunto: “Da Renzi mi separa se non tutto, tantissimo ma non lo combattero’ mai a colpi di magistratura”. 

Rispondi